Si può e si deve detestare, esecrare, anche maledire, ma non sono le parole a sconfessarla:
LA VIOLENZA C’È!
È esplosiva, immanente alla realtà socio-economica:

  • tra gli imperi che la governano per il dominio,
  • la si vede smisurata nella “crescita” attraverso il devastante sfruttamento,
  • nella concorrenza che agisce il mercato globalizzato,
  • nella mercificazione, sussunzione dei corpi nei processi di accumulazione,
  • è propria nei rapporti umani che agiscono la proprietà per sé esclusiva,
  • è connaturata nella politica che si pronuncia nell’interesse dei poteri economici,
  • si manifesta in modo detestabile nelle ingiustizie, nelle diseguaglianze e nei diritti negati,
  • è nelle forme molteplici di repressione che negano libertà di contestazione e di critica,
  • si scopre quando impone prerogative territoriali impedendo libertà di movimento,
    ….
    anche il volontario, non di raro, agisce “violenza” quando ricerca per sé una ragione umanitaria.

    E ancora oggi, come ieri e domani, deploriamo e condanniamo la particolare violenza che sfigura e infrange i corpi delle donne nel nome di un “amore” proprietario.

 

https://nonunadimenomilanoblog.wordpress.com/

 

 


ATTENZIONE! Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa "Cookie policy".  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.